Noleggio Auto

Olbia Aeroporto

Noleggio Auto Olbia Aeroporto | Maggiore

Noleggio Auto Aeroporto di Olbia



Sei in arrivo a Olbia? Programma un itinerario a bordo di un’auto a noleggio Maggiore per scoprire la città e i suoi dintorni in libertà. Olbia, venne chiamata dai Greci “città felice” ed è la porta di accesso alla scintillante Costa Smeralda. Inserita in un golfo naturale delimitato dalle meravigliose isole di Tavolara e di Molara, Olbia ha un centro storico molto caratteristico, con mura puniche, edifici ottocenteschi e bellissime chiese, come quella di San Paolo in stile gallurese e quella di San Simplicio tutta in granito. Dopo aver visitato Olbia, potrai rilassarti sulle spiagge di Bados, Baia Corallina, Gavrile, La Peschiera, La Playa, Rena Bianca e goderti il mare tutto intorno che luccica in ogni tonalità di blu. E, se sentirai un buon profumo nell’aria, si tratta delle aromatiche erbe selvatiche della macchia locale! Visitare Olbia vuol anche dire gustare la gastronomia locale: assapora gli spaghetti alla bottarga, conosciuta come il caviale sardo o la suppa cuata, un soufflè caratteristico della Gallura. E non perdere i dolci: che si tratti dei papassini o dei casciatini, gustali insieme alle buonissime seadas ripiene di miele e di formaggio. Percorrendo il litorale costiero, a bordo di un’ auto a noleggio Maggiore in tutta comodità, puoi facilmente arrivare a Cala di Volpe, a circa 25 km a nord di Olbia. E’ una delle spiagge più belle della costa e, nelle sue vicinanze, potrai visitare l’Arcipelago della Maddalena, un parco geomarino di circa 20.000 ettari tra terra e mare, con oltre 60 isole e isolotti.

Una curiosità: il paese di Luras, a circa 40 km da Olbia, detiene un prestigioso record italiano. Grazie alla tua auto a noleggio Maggiore, potrai andare ad ammirare un magnifico esemplare di ulivo selvatico, la cui età secondo l’Università di Sassari potrebbe superare i 3000 anni e arrivare persino a 4000 anni. L’ulivo di Luras è stato dichiarato Monumento Naturale nel 1991 e inserito con decreto ministeriale nella lista dei 20 alberi secolari italiani.